PSS

Lo Psicologo in azienda

Il Problem Solving Strategico in azienda è una complessa forma di intervento psicoterapico che prende le mosse dalla psicoterapia cognitiva orientata in senso Strategico.

Le strategie non sono frutto di un improvviso atto di creatività, ma sono basate sull’applicazione di un sistematico e rigoroso metodo di ricerca, attraverso una precisa logica (non ordinaria) di intervento che fanno si che rigore ed inventiva si complementino e si alimentino a vicenda, poiché come sosteneva G. Bateson “Il rigore da solo è morte per asfissia la creativa da sola è pura follia”.

Tale logica si differenzia dalle logiche tradizionali (ordinarie) per la sua caratteristica di mettere a punto il modello di intervento sulla base degli obiettivi prefissati e delle specifiche caratteristiche del problema affrontato, piuttosto che sulla base di una teoria precostituita.

In altri termini, si rinuncia a seguire ciecamente una qualsiasi prospettiva rigida che fornisca, in maniera deterministica, indicazioni su come procedere o pretenda di dare una descrizione aprioristica ed esaustiva dei fenomeni che si stanno studiando e sui quali si vuole intervenire.

“L’imperativo metodologico” infatti è: sono le soluzioni che spiegano i problemi e non le spiegazioni che guidano alle soluzioni. Pertanto la tecnologia del cambiamento si evolve sulla base della sua efficacia e non sulla base di teorie da provare, si osserva quindi il passaggio da una metodologia ipotetico–deduttiva a una costitutivo–deduttiva, ovvero: invece di conoscere per cambiare, cambiare per conoscere (Watzlawick, Nardone, 1997).

In estrema sintesi il PSS è una metodologia volta a risolvere i problemi in azienda attraverso l’utilizzo di tecniche di chiara matrice psicoterapica, con domande circolari che sono volte a mettere via via sempre più a fuoco il fulcro nevralgico di ciò che non funziona e, una volta identificato il VERO problema, procedere per plausibili tentativi, volti ad alterare l’ordine fin lì precostituito delle procedure aziendali. Questa metodologia è estremamente efficace perché permette al sistema azienda di essere studiato da un osservatore esterno (il terapeuta) che avulso dalle dinamiche di potere interne al sistema e non accecato dalla routine quotidiana, può fornire alla committenza una visione vergine delle problematiche realmente esistenti nell’organizzazione.